Progetto Euro.Sen, la Calabria punta su un turismo senior

Per promuovere lo sviluppo del turismo, perché non puntare sugli over 65? Un’iniziativa alla quale ha già deciso di aderire con convinzione la regione Calabria, partecipando ad un progetto mirato, che si chiama Euro.Sen, ossia Europe for Seniors. Ma di che si tratta? Entrando nel merito di questa iniziativa finanziata dalla Commissione Europea, si tratta di un progetto che vuole promuovere proprio il turismo per gli anziani, come forma di rilancio del turismo, puntando su nuove strategie, il tutto alla luce di una consapevolezza che emerge dai dati. Volendo parlare in termini di numeri, infatti, secondo l’Eurostat circa il 20 percento dei turisti europei hanno un età pari o superiore proprio ai 65 anni. Ed è alla luce di questi dati che l’Europa ha pensato di promuovere il turismo in tal senso, con un progetto ad hoc in 4 paesi comunitari: Romania, Austria, Slovenia e anche Italia. Ed è proprio nella nostra penisola che la Calabria ha giocato un ruolo fondamentale per questo progetto, scommettendo sulla terza età per lo sviluppo e la promozione del turismo. Come? Attraverso l’adesione a questo progetto che le consentirà anche di mettersi in gioco confrontandosi con le altre realtà europee coinvolte. Inoltre, il progetto Euro.Sen spiana la strada a nuovi modi e nuove idee per rilanciare il settore turistico, puntando ad esempio sulla promozione paesaggistica, artistica e culturale, anche in periodi dell’anno meno richiesti.

L’idea del progetto infatti, è anche quello di promuovere ad esempio un turismo che non sia necessariamente estivo ma che interessi anche altri periodi dell’anno. Questo perché, quando si parla di Terza Età, e quindi di over 65, si parla per lo più di pensionati che hanno a disposizione più tempo libero durante l’arco dell’anno. O ancora, un altro punto di forza di questo programma è proprio quello di promuovere località e mete turistiche non proprio convenzionali, ossia dirottare questo tipo di turismo verso luoghi che seppur suggestivi appaiono meno noti rispetto a quelli comunemente proposti, per favorirne la conoscenza di bellezze culturali, culinarie, o anche naturali, paesaggistiche, artistiche, archeologiche e storiche.

Cercare di organizzare un tipo di turismo che si concentri soprattutto su gli over 65, quindi sui pensionati, ovviamente, comporta delle scelte da fare da un punto di vista non solo politico ma anche istituzionale in senso stretto.

Il progetto nato d’accordo con l’Unione Europea sicuramente darà la possibilità alla Calabria di attirare un tipo di turismo particolare e targettizzato su una fascia d’età più alta, ma che sarà comunque in grado di creare un indotto economico importante per un territorio che vuole rilanciarsi. Riuscire a intercettare questo pubblico diventerà una questione fondamentale per cercare di ottenere sempre un maggior numero di turisti in una regione che comunque, offre diverse soluzioni sia ricettive (dagli hotel, ai b&b ai villaggi turistici sul mare in Calabria come il Minerva Resort) che paesaggistiche valide per ogni tipo di età.

In un territorio che è sinonimo di relax e di bellezza, ovviamente riuscirà ad attrarre persone di ogni età ma anche quelle di un’età un po’ più alta rispetto alla media non è per nulla difficile anzi dovrebbe essere una cosa quasi automatica.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *